venerdì 22 luglio 2016

The true story of a help relationship, mutually and intensely lived, between a young educator and an autistic savant child



My next ebook, perhaps in september 

My name is Cesare...Everything’s fine. The true story about a mutual-help relationship – Our authism and the one of the world around us -

Synopsis
The true  story of a help relationship, mutually and intensely lived, between a young educator and an autistic savant child. Cesare and Giovanni first met in the ambulatory of a family counseling centre, in Genova. The proposal to try for three months home care becomes an occasion to put in contact two personalities in fully development and change who, entering in harmony, will live 15 unforgettable years...
Preface letter “To suffer together” by Dott. Roberto Soriani, psychiatrist in Genova, ASL 3, mental health service.
Introductive articles:
.”The autism in my point of view”
“What we mean when we talk about Help Relationship”.
Afterword articles
“The fragile X syndrome”
“Intellectual and relational disabled vs intellectual and relational-abled”.
A P.E.R.O. Progetti Editoriali Realizzati Onestamente by Giovanni Tommasini editorial production

Progetti Editoriali Realizzati Onestamente a cura di Giovanni - Ebook /Libro un esempio



Progetti Editoriali Realizzati Onestamente a cura di Giovanni Tommasini

Produzione libro A5 135/140 pagg. 

Il mio preventivo è questo.
La copertina in alta definizione per ebook è gratis (ti invio una bozza di copertina con tuo nome e cognome giusti).
Composizione copertina libro (fronte, frontespizio, quarta di copertina) gratis.
Il codice ISBN gratuito. Diritti d'autore garantiti al 100%.
Correzione e impostazione grafica testo gratis.
Produzione e pubblicazione ebook su tutti gli stores online 150 €
Pagina facebook ufficiale del libro, Gratis saremo tutti e due amministratori pagina.
Intervista nel salotto di Antonio Moccia pubblicata su YouTube per presentazione libro,  Gratis.
Produzione e pubblicazione Libro formato A5 135/140 Pagine copertina a colori interni b/n.
Sino a 100 copie : 7€ a copia.
Oltre le 100 copie: 6€ a copia
Sarai libera di scegliere prezzo di copertina è numero di copie da produrre. (in genere 10€)
Libri spediti all'indirizzo da te indicato gratuitamente.

mercoledì 20 luglio 2016

Il Diario di una Colonia per disabili intellettivi e relazionali - appunti quotidiani (primi giorni)








Buongiorno a tutti, buon inizio settimana, io oggi, stamattina, parto per una colonia di 15 giorni a Monterosso, avrò da seguire quattro disabili adulti , due affetti da sindrome di Download, uno da sindrome X fragile e un disabile spastico con insufficienza mentale lieve, proverò a scrivere un diario di questa esperienza che vado a vivere con grande piacere.  Sono ormai 22 anni che facciamo le colonie, un periodo di vacanza per i disabili intellettivi e relazionali che tutto l'anno seguiamo nei centri e nelle case famiglie.  Un meritato riposo per i genitori che tanto faticano tutto l'anno per dare ai loro figli tutto ciò di cui hanno bisogno per una vita sempre più "normale".


Una colonia da sogno, perché i nostri ragazzi meritano bellezza, sorrisi,  meraviglia e luoghi senza tempo....


Buongiorno amici, oggi secondo giorno di Colonia, il primo è stato "annotato",  oggi tutti al mare....
Il racconto di questa esperienza andrà ad arricchire il progetto editoriale testimonianza e restituzione delle "relazioni d'aiuto" da me vissute in questi ultimi 25 anni, una splendida giornata a tutti da Gio e i suoi quattro ragazzi

Ora colazione per noi educatori e poi.... Sveglia per tutti 😎

Secondo giorno di Colonia.

Oggi prima volta al mare con i miei quattro ragazzi.

Tante le mie paure, preoccupazioni, non essendo mai stato con loro in spiaggia.

Il mare, come sempre, ha regalato emozioni.

Che gioia Vivere la trasformazione delle difficoltà motorie in armonia, non appena lasciata la "terra" per lasciarsi sostenere e cullare dell'acqua e le sue onde, oggi appena abbozzate.

Sciogliere in un sorriso le tensioni tipiche della sindrome X fragile, non appena emerso dall'apnea.

Sentirmi dire dal ragazzo down, abbracciato al ciambellone, aggrappato alle mie mani, rotta l'iniziale paura, una volta tutti e due al largo, "la prossima volta andiamo a mangiar la pizza ".

Il mare, elemento di naturale  sintesi tra noi e l'infinito.

Giovanni Tommasini "pensieri scarsi"  dalla colonia di Monterosso.


C'è un aspetto profondamente "educativo" per chi fa l'esperienza di Colonia.

Per chi ha la responsabilità di seguire sotto ogni aspetto ed esigenza della vita quotidiana un gruppo di quattro disabili intellettivi e relazionali, come nel mio caso per esempio.

Dal risveglio alle 8,00 di mattina, alla buonanotte alle 22, consecutivamente per 14 giorni.

Essere disposti, imparare, a dimenticarsi totalmente di se stessi per 14 ore al giorno, e far delle esigenze dell'altro (degli altri quattro in questo caso) il proprio ed unico pensiero.

Diventare l'altro, pensare per l'altro, anticipare di quel che bisogna ogni mossa, al fine di permettere una vacanza "piena" di esperienze impensabili per l'altro, impossibilitato ad autodeterminarsi per viverle e "vuota" di tutto ciò che in nostra assenza andrebbe a "soffrire" in balia delle proprie mancanze, intellettive e relazionali.

Questa la vera essenza, il più profondo significato del nostro essere in "relazione d'aiuto",  per 14 ore al giorno, per 14 giorni.

Per poter tornare a casa e dire ai genitori in attesa di riprendere con sé i propri figli:  "è andato tutto bene".

Buona notte a tutti.

Giovanni Tommasini "pensieri scarsi notturni"

La settima giornata di Colonia si chiude con un sorriso. Il motivo del mio essere qui. Uno dei miei quattro ragazzi, per ora, non aveva ancora mostrato un atteggiamento ben disposto nei confronti di questo soggiorno estivo. Niente di particolare, ma lo sguardo era sempre verso il basso e non ero ancora riuscito a vederlo rilassato e divertito.  Stasera il ragazzo di fronte a lui, durante la cena, versando l'acqua nei bicchieri ha bagnato parte della tavola.  "NON è successo niente"..... ho messo dei tovaglioli di carta sulla parte della tavola bagnata, e siamo andati avanti senza altri imprevisti, ma ho notato un certo interesse da parte sua nei confronti dell'accaduto. Sono andato a prendere il gelato per tutti e dal fondo della sala da pranzo l'ho visto alzarsi e sparecchiare per far posto ai gelati,  mettendo tutto sulla tavola di fronte, quello degli autisti, infermiere, personale notturno. Arrivato a tavola con i gelati, per la prima volta  il suo sguardo si è alzato per incontrare il mio, in regalo un sorriso bello, aperto, lungo. Effettivamente sono momenti che riusciamo a godere solo noi che viviamo assieme a loro. È stato come vedere l'arcobaleno.
Siamo poi usciti in giardino. Si è seduto su una sedia dietro a me ed ha iniziato a stuzzicarmi divertito. Confidenza mai data in questi primi sette giorni. Sempre per mano a seguirmi silenzioso, mai un lamento o momenti di opposizione, ma mai attivamente nella realtà proposta.
Al pizzicotto più forte ricevuto, girandomi verso di lui una gamba della sedia di plastica sulla quale ero seduto si è spezzata e sono caduto gambe all'aria.
Dal basso verso l'altro l'ho visto ridere senza più tentennamenti.
In ascensore,  assieme ai suoi compagni, ogni tanto ci guardavamo scoppiando a ridere assieme come due bambini ai quali hanno appena regalato un pallone e un gelato.
Un finale di giornata bellissimo.

A domani, buona notte a tutti.

PARECCHIO

Oggi giornata al mare.

Con la mia collega e otto ragazzi.

Eccoci di nuovo in acqua.

Aggrappato alle mie mani, sorretto e abbracciato dal ciambellone.

"Hai ancora paura del bagno in mare?"

"Ti voglio bene"

" Quanto?"

"Parecchio... "

Niente di più, niente di meno.

Il mio lavoro quotidiano.

Buona notte a tutti

Buongiorno a tutti dal Soggiorno Estivo di Monterosso, sono gli ultimi giorni di Colonia.

Un elemento ha unito tutti noi in questa bellissima esperienza.

L'acqua del mare.

Ha sciolto in un sorriso ogni differenza, accolto, sostenuto, cullato tutti noi, che facciamo delle nostre reciproche diversità il motivo  fondante della nostra uguaglianza.

La libertà altro cos'è se non la serena e consapevole accettazione dei limiti e delle reali possibilità.

I costumi ci attendono per portarci in spiaggia.

Giovanni Tommasini "pensieri scarsi al risveglio di una mattina di fine luglio a Monterosso"

Ultimo giorno in spiaggia, una colonia da sogno, in un posto meraviglioso.

Domani ci prepareremo al rientro, torneremo al nostro....

Navigare quotidiano

Noi siamo acqua.
Viviamo liquidamente.

Le sensazioni,
le emozioni,
le relazioni,
sono pervasive,
solo acqua.

Invadono,
circondano,
plasmano,
le sponde,
i canali,
alvei,
li mettiamo noi.

Con i pensieri, nel disperato tentativo di non affogare.

Alle volte galleggiamo,
altre affondiamo,
travolti da correnti opposte al nostro procedere,
diving intellettuale,
ci salveremo imparando a stare in apnea quando attratti dal fondo,
risalire lentamente,
una volta fuori dall’acqua riprendere i sensi per mettere al proprio posto gli abissi vissuti
croce e delizia del nostro essere barchette in mezzo al mare.

Daremo un nome al nostro paziente navigare,
disegnare mappe per non perdere l’orientamento
sulle quali segnare le correnti più o meno a nostro favore
faticosamente realizzare sponde per contenere le onde più alte
dalle quali ancora troppo piccoli siamo stati travolti
aprire gli occhi ora su una spiaggia, ora sbattuti sugli scogli
ma sempre vivi,
il mare la nostra vita,
sensazioni, emozioni, sentimenti,
acqua, acqua, acqua

i pensieri, le parole, la memoria,
sponde, rive, vele, gozzi, velieri, alberi maestri

Ogni parola un guscio,
Colmo di significati
colorato dalle nostre emozioni.

Il nostro navigare quotidiano

Giovanni Tommasini


Ebook Sono Cesare.. Tutto Bene - La vera storia di 

domenica 17 luglio 2016

"Soffrire insieme" la lettera di prefazione del libro Sono Cesare... tutto bene





Lettera di prefazione “Soffrire insieme”

Caro Giovanni,
che  piacere  risentirti  dopo  tutto  questo tempo!
Ancor di più sapendo che stai bene e ti sia buttato in una nuova impresa!
Non  sono  più  di  tanto  sorpreso,  devo scrivere, poiché nel tempo mi sono abituato al  fatto  che  tu  sia  un “uomo  dalle  mille risorse”.
Certo  non  mi  sarei  aspettato  di  ritrovarti scrittore anche se, come ti definisci tu, “per caso”.
Ho  accettato  con  piacere  di  leggere  il  tuo progetto sulla tua storia con Cesare e... Che bello!
Complimenti, sei stato molto bravo, come al solito potrei dire...
Ѐ stato  un  piacere  rileggere  la  storia  di Cesare, e capire, ancor meglio, che cosa è successo in quel lasso di tempo e, grazie al tuo  scritto,  capire  anche  perché  è  potuto accadere...
Devo dire, anzitutto, che mi hanno colpito la lucidità,  la  semplicità  e,  nel  contempo,  la profondità   di   quanto   sei   andato   a descrivere;  con  poche,  semplici  parole  sei riuscito  a  dipingere  un  mondo  che  appare ancora  oggi  strano  e  misterioso,  quello dell’autismo.
Mi  è  venuto  spontaneo  domandarmi  cosa ha  funzionato  così  bene  nella  vostra relazione  e  cosa  ha  permesso  di  arrivare dove siete arrivati.
La prima risposta è stata: l’EMPATIA!
Questa   è   una   strana   parola,   talvolta abusata, spesso poco compresa.
Leggendo la storia che tu hai scritto, se ne comprende bene il significato, a partire dalla sua etimologia: “Soffrire assieme”. Cesare  ti  ha  permesso  di  entrare  nel  suo mondo perché ha sentito che anche tu avevi sofferto  e  potevi  così  comprendere  quello che lui provava.
E poi ti ha “fatto soffrire”, mettendoti alla prova, testando la tua capacità di tollerare anche le sue sofferenze.
Solo dopo averlo  fatto ha potuto  fidarsi  e, quindi, affidarsi.
La seconda è stata la tua “NON PAURA”. Bada bene: non è il coraggio.
Ѐ il fatto di non esserti fatto spaventare dai mostri che popolavano il mondo di Cesare,
di  averli  saputi  affrontare  accanto  a  lui, dimostrandogli che potevano, se non essere sconfitti  definitivamente,  almeno  essere neutralizzati.
Perché lo hai potuto fare?
Un  po’  per  la  tua  incoscienza  dettata
dall’inesperienza professionale, ma
soprattutto  perché  hai  saputo  guardarti dentro,  scoprire  che  anche  tu  avevi  dei mostri e li avevi neutralizzati…
In  definitiva,  quindi,  è  stata  la  tua  grande onestà emotiva e intellettuale a permetterti di ottenere i risultati che, assieme a Cesare, hai conseguito.
Sono contento di avere lavorato con te, di aver potuto rileggere la storia e di scrivere queste cose.
Continua  a  essere  te  stesso,  ad  avere  la stessa onestà e a combattere i mostri che popolano il nostro mondo.

Il carissimo Roberto.
Dott. Roberto Soriani Psichiatra
Salute mentale - ASL3 Liguria

martedì 12 luglio 2016

La vraie histoire d'une relation d'aide réciproque vécue intensément entre un éducaterur et un enfant autiste. Ebook gratuit Je suis Cesare... tout va bien - Giovanni Tommasini


Ebook gratuit Amazon.fr


J'ai ecrit un livre sur une histoire d'une relation d'aide réciproque vécue intensément entre un éducaterur et un enfant autiste. Cesare et Giovanni font connaissance dans la clinique d'un centre de santè d'un quartier de Genes. La proposition qui lui est faite, d'essayer pendant trois mois une assistence à domicile se révèle petre l'occasion de mettre en contact deux personnalitès en pleine croissance et mutation, qui, entrant en relation vivront quinze années inoubliables. et, plus rien en fu comme avant. 
Giovanni Tommasini est né à Sanremo le 16/10/1966. En 1990 il se rend à Genes pour éffectuer des études de Sciences politique, et y obtenir son diplome en 1994. Educateur pour handicapés relationnels et intéllectuels depuis 1990. Il travaille avec diverses rédaction, sur le sujets concernant la Culture sportive et des thématique sociales.

sabato 9 luglio 2016

Slug it out & Underground Double Play - Fabio Monticone & Giovanni Tommasini - Movie & Ebook


The American Dream -  Fabio Monticone & Giovanni Tommasini - Movie & Ebook

Slug it out - Fabio Monticone (Movie - Documentary)

When the passion of a small Italian baseball team is challenged daily, in a country, Italy, that has no interest or feelings toward this sport, the love and dedication this team has becomes the solution to all their problems. Documentary filmmaker Fabio Monticone, tells the story of the Sanremo Baseball Club, a rare breed in a country where soccer is the only sport with national relevance. A story that begins during World War II and takes us all the way up to today, where, despite all the financial hardships and a lack of future prospects, Sanremo Baseball not only survives, but manages to give rise to an incredible sport miracle...


Ebook UNDERGROUND DOUBLE PLAY The American Dream of Tomato Baseball Club.
Available on Download Free
The American Dream of Tomato baseball club
Description
These stories, that read together could look like a treaty on the game of baseball, will bring you inside the fascinating world of the hit and run. The narration is about true events of fifteen boys who, from an underground parking in downtown Sanremo late seventies, just eleven year old, began to learn the secrets of this art. Two great masters will accompany the 15 little unwitting baseball heroes during this interior growth, conveying to each one their unique and unrepeatable vision of the game, but also of life. Some of them will go on to play in the Italian National Team, one will participate to the Barcellona Olympic Games wearing the National Team uniform 43 times. Two generations later, that same club will form Alex Liddi, the first Italian in history to play in the Major League of Baseball! A sport that gives the chance, to whom is fortunate to learn the secrets and more genuine philosophy, to change forever the relation with reality. This is baseball…
https://giovannitommasiniedizioni.blogspot.it/2016/07/little-unwitting-baseball-heroes.html

it's a true story of the little unwitting baseball heroes from an underground parking in downtown Sanremo late seventies to Major League

venerdì 8 luglio 2016

Download free 0,00 $ The American Dream of Tomato baseball club








Download free 0,00 $
The American Dream of Tomato baseball club
Description
These stories, that read together could look like a treaty on the game of baseball, will bring you inside the fascinating world of the hit and run. The narration is about true events of fifteen boys who, from an underground parking in downtown Sanremo late seventies, just eleven year old, began to learn the secrets of this art. Two great masters will accompany the 15 little unwitting baseball heroes during this interior growth, conveying to each one their unique and unrepeatable vision of the game, but also of life. Some of them will go on to play in the Italian National Team, one will participate to the Barcellona Olympic Games wearing the National Team uniform 43 times. Two generations later, that same club will form Alex Liddi, the first Italian in history to play in the Major League of Baseball! A sport that gives the chance, to whom is fortunate to learn the secrets and more genuine philosophy, to change forever the relation with reality. This is baseball......
Forward
by Giovanni Colantuono, Creator and editorial Director of Baseballmania.it

Those who play baseball are, in my opinion, in some ways special persons. Baseball isn't just any sport, it doesn't just form real athletes. Baseball forms particular men. Like Giovanni Tommasini. A baseball player and today a writer. He passed through that field with a particular shape called a diamond. The green grass, the red dirt; put on a helmet, hold the bat and you are about to enter the batter's box. You against everybody: on that little hill is the pitcher ready to challenge you; all around him, his teammates are ready to eliminate you if the pitcher fails to do so.
Giovanni Tommasini lived it on his skin, he experienced what it means to slide on that red dirt to get to the base before the opponent's defenders could get you out.
An email, a phone call, and I met Giovanni. After exchanging a word or two I immediately understood how much baseball is still part of his life. Then, when I read Tomato, his first story, I realized how special this Ligurian author is. All the beauty and magic of this sport can be found in his writings, getting inspiration from the birth of the team in the city of Sanremo up to the fabulous story of Alex Liddi. The first real professional Italian Major League player. From Sanremo.
Tommasini’s are not just ordinary stories. With his quotes from great writers, composers and poets, he can make baseball a lesson of life. Baseball not only as a team sport, but like a real gym of life. In every position, from pitcher to catcher, from shortstop to the outfield, this sport has something to give.
Tommasini writes about the pitcher in Nine Spearheads: “The trajectory requested by the catcher, a dock for the hitter; the bat meeting the pitched ball, the dreamed land on the new world.
Heroes. We can be heroes, just for one day and forever”.
From there the decision to publish on my website Baseballmania, because I believed right away what Giovanni was proposing me. No one in Italy ever wrote about the baseball the way he did. From the first stories, to those Giovanni wrote later on, something was born also from our exchange of ideas, like the fantastic tale about the life of Agostino Liddi. The origin of Alex Liddi.
Then everything happened in a short time, because Tommasini’s tales fly fast, like the 90 miles fastball of a Major League pitcher. Up to this book which collects, like a single theme, all the tales of this great Ligurian writer. The first great baseball writer in Italy.
Those who played baseball are special persons.
When you will get to the end of this book, you will understand why.

http://www.amazon.com/dp/B014XMDQF6

http://www.amazon.co.jp/Underground-double-play-American-baseball-ebook/dp/B014XMDQF6/ref=sr_1_1?ie=UTF8&qid=1441774084&sr=8-1&keywords=Underground+double+play

https://play.google.com/store/books/details/Giovanni_Tommasini_Underground_double_play_The_Ame?id=OAeBCgAAQBAJ&hl=it


http://canzonichenessunaradiotrasmette.blogspot.it/2015/09/mirror-mirror-on-wall-talk-to-me-about.html

http://canzonichenessunaradiotrasmette.blogspot.it/2015/09/tomato-little-unwitting-baseball-heroes.html

http://canzonichenessunaradiotrasmette.blogspot.it/2015/09/summertime-little-unwitting-heroes.html

http://www.amazon.co.jp/Underground-double-play-American-baseball-ebook/dp/B014XMDQF6/ref=sr_1_1?ie=UTF8&qid=1441774084&sr=8-1&keywords=Underground+double+play

My agent for USA: Pier Andrea Piancastelli, San Diego, Facebook, LinkedIn,  pier.piancastelli@gmail.com

La vera storia di una relazione d'aiuto







La vera storia di una relazione d'aiuto reciprocamente e intensamente vissuta tra un giovane educatore e un bambino autistico. Cesare e Giovanni si conoscono nell'ambulatorio di un consultorio di quartiere di Genova. La proposta di provare per tre mesi un tentativo di assistenza domiciliare, si rivela un'occasione per mettere in contatto due personalità in piena crescita, mutamento, che entrando in sintonia vivranno 15 anni indimenticabili...
Lettera di prefazione "Soffrire assieme" del dott. Roberto Soriani psichiatra servizio salute mentale ASL 3 Genova.
Articoli introduttivi:
"L'autismo secondo me" 
"Cosa intendiamo quando parliamo di Relazione d'Aiuto".
Articoli di postfazione
"La sindrome X fragile"
"Disabili intellettivi e relazionali vs abili intellettivi e relazionali"
Una produzione editoriale P.E.R.O Progetti Editoriali Realizzati Onestamente a cura di Giovanni Tommasini

martedì 5 luglio 2016

Novità editoriale - Risvegliare la coscienza attraverso il Corpo - Una via per indurre concentrazione, rilassamento e auto-consapevolezza in bambini e adulti - Progetti Editoriali Realizzati Onestamente a cura di Giovanni Tommasini






Awareness Through the Body, un programma per sviluppare auto-consapevolezza ed espandere la coscienza, è stato sviluppato e viene implementato nella città di Auroville.
Auroville, situata nel sud dell’India, è un progetto sperimentale per la creazione di una città internazionale, dedicata alla ricerca tanto interiore quanto esteriore e rivolta verso gli obiettivi di un’unità umana e di una società più cosciente.
Nel luglio 1992 Awareness Through the Body cominciò nelle scuole di Auroville come un programma per aiutare i bambini ad aumentare la loro capacità di attenzione, concentrazione e rilassamento e per sviluppare l’auto-consapevolezza ed il senso di responsabilità.
Col passare degli anni Awareness Through the Body si è evoluto, diventando una via che conduce ad una vita più cosciente e piena per i bambini, così come per gli adulti.
Attraverso un’ampia varietà di esercizi e giochi Awareness Through the Body offre l’opportunità per conoscere sé stessi in maniera migliore, per esplorare la complessità del loro essere, e trovare modi per integrare ed armonizzare questa complessità attorno al centro più profondo del loro essere. Il programma funziona portando come prima cosa l’individuo in uno stato di ricettività, nel quale egli possa entrare in contatto e sviluppare l’attitudine del testimone interno. Adottando questa attitudine l’individuo può dare ascolto alla grande quantità di stimoli che costantemente riceve dal suo mondo interiore ed esteriore, e scoprire le connessioni esistenti tra la mente, le emozioni e il corpo fisico.
Questo libro intende essere una guida per coloro che vogliono scoprire le connessioni esistenti tra mente, emozioni e corpo fisico.
Coloro che insegnano troveranno in questo libro molti strumenti utili per i propri allievi. Il processo educativo che proponiamo in queste pagine, potrebbe perfino ispirare il lettore a sviluppare un programma simile nella propria scuola. Nella Sezione I presentiamo la nostra meta, i principi con i quali lavoriamo, i nostri obbiettivi, l’organizzazione e la dinamica delle nostre lezioni.
La Sezione II contiene l’esposizione dei temi con i quali lavoriamo e le attività che svolgiamo. Essi possono rivelarsi utili tanto in una lezione con bambini quanto in una con adulti, o anche per essere praticati da soli.
Alla fine del libro c’è un indice completo di tutti gli esercizi.
Questo libro, oltre ad offrire un ricco insieme di esercizi pratici per educatori, insegnanti e in generale tutti coloro che sono interessati all’espansione della coscienza, è un prezioso strumento per comprendere meglio sé stessi, per aumentare la capacità di essere presenti e gestire meglio mente, corpo ed emozioni.
Progetti Editoriali Realizzati Onestamente a cura di Giovanni Tommasini

domenica 3 luglio 2016

Little unwitting baseball heroes



TOMATO – LITTLE UNWITTING BASEBALL HEROES

This was the name of our team. The jerseys were yellow and orange with the word TOMATO written on our chest. Personally, Tomato made me think of those beautiful boxes of tomatoes that inspired Andy Warhol. We were like that, little containers full of lively red pulp.

We decided to play baseball and asked the City Recreation Department for a gym. Sanremo, the city of flowers (where they must have thought: what sport is that?), gave us a space in an underground parking downtown. Level zero of three, two of which were already underground.


We would call our “gym” the catacombs.
There with us, in that spot near the rock walls completely wet and always dripping with moisture, were “those having fixes”. Us on one side getting lost after a damn ball, them on the opposite side, taken by a curse, lost in a maze of pain.
There was a mutual indifference mixed with respect, between the two “groups”: no one wanted to lose that place. 
On the street, waiting for the arrival of all the teammates, without whome we would never want to go down there, often we would start to throw the ball, to warm up our arms… and from time to time one would fall down there.
In that case, the responsible of that missed catch, or bad throw (we had endless, surreal, discussions), had to go get the ball, alone, knowing he could get face to face with those guys who, instead of the arm, warmed up a spoon and searched in it the return of warmth never felt. 
Once everyone arrived, we went down together. We yet had to learn the art of baseball, but we already were a real team, sure that nothing would happen and that our neighbors would understand our mission. It was a relationship of mutual understanding. And when a ball would get close to them, with an apologetic smile, they would throw it back. 
Sanremo baseball was being born.
The fear of a lonely descent would turn into a dull enthusiasm marked by the sharp contact of the ball with the glove during the throws that opened each practice. 
One in front of the other, alternating throwing to catching, staring into each others eyes trying to figure out what we were doing in that place: just turned ten years old and our hands split off by the ball we just caught. 
“My hand is frozen, how am I supposed to catch this stone that you dispense us like it’s a host?!” We thought looking at our master. Only he knew. 
We would understand this once spring started, when we would do the same exercises in the warmth and on the diamond, in the only baseball field from Liguria and the French Riviera. The sensation experienced would be like, after ten hours of skiing, changing from the ski boots to the show boots: a sensation of freedom, just like flying. 
But at the moment, we could not even dream all that. 
And complaining was not allowed. 
In fact, after the first couple of catches, the pain would melt into warmth and the ball would beome a single thing that went from our glove to the arm of our teammate, which, throw after throw, would receive one more violent then the one he just executed. 
We cranked it like crazy. 
There were only two gloves completely different from the rest. The first base glove, and the catcher’s glove. Both in great demand, especially because they allowed to defend ourselves from the bastardy of that stone we haven’t decided whether to love or hate, yet. 
The most beautiful was the catcher’s glove. Round, with thick and soft edges, two big magical lips, it sucked in the ball avoiding misery to whoever was wearing it. Everybody wanted one, but only one could have it. 
To whom was reserved this privilege? What qualities did the catcher need to have? Which for first basemen?
For the moment everyone alternated all nine positions, but for each was expected a certain personality and ability, unique and different. We were not yet aware of it, we only did everything we were told by our two coaches. 

MARCELLO AND FULVIO
They were there with us and a common project: to create a baseball team, the best in Liguria. 
The fact that for the moment there weren't any others, gave them the confidence that only the great ideals can guarantee. 
Two opposite personalities. They perfectly supplement each other.
They wanted the same thing, but approach it from to different starting points. It was their personal relationship with reality that was different.
One, Marcello, of the “whole” would treat every single part. The other, Fulvio, would take all these parts and arrange them on the diamond, to make us live a fantastic assembly, which would guarantee the “whole”.
Those parts were the fundamentals.
The “whole” was the game strategy.
They didn’t choose to split roles, it was just their deep need.
Two different approaches to life.
It was an answer to the Absence. The most ancient, eternal, started with the landing from the perfect and filled prenatal world.
How to approach it?
Two means, two possibilities, two different ways.



I racconti sui Piccoli inconsapevoli eroi del baseball, Gratis per tutti - Ebook Sotterranei Americani - Il sogno americano del TOMATO BASEBALL CLUB e altri racconti











Il sogno americano del TOMATO BASEBALL CLUB e altri racconti. 
La vera storia dei piccoli inconsapevoli eroi del baseball dai sotterranei di un parcheggio al centro della "spettacolare Sanremo" alla nazionale, le olimpiadi, la Major League. . 
La formazione impossibile, Mozart e Salieri, Conrad e Whitman. Storie di vita, storie di morte.
E niente sarà più come prima. ....
Giovanni Tommasini